L’8 settembre del 1943 è la data in cui il governo italiano presieduto da Pietro Badoglio firmò l’armistizio con gli Alleati. Dopo quella data in tutto il Paese si costituirono le prime bande dei partigiani che diedero vita alla Resistenza contro l’esercito nazifascista.

Il 25 Aprile 1945 fu la data dell’insurrezione italiana contro i tedeschi. Fu proprio in questa data che Benito Mussolini, visti gli attacchi dei partigiani in tutto il Paese, cercò di fuggire. Il Duce venne però catturato dai partigiani e fu giustiziato il 28 aprile con Claretta Petacci: i loro corpi vennero appesi dai partigiani a testa in giù a piazzale Loreto, a Milano.

Nel 1945 Milano venne liberata dai nazifascisti incamminandosi verso un’Italia democratica, per questo la città di Milano venne onorata con la medaglia d’oro della Resistenza.

Chi combatteva alla Resistenza erano i partigiani ed i civili che si armavano come potevano per combattere il nemico. Tante sono state le stragi, alcune di quelle più tragiche sono quelle di Marzabotto e Monte Sole.

Nel 2015 in occasione del 70 esimo anniversario della Liberazione dell’italia, venne creato un francobollo autoadesivo da collezione da 80 centesimi per ricordare i massacri nelle Cave di Via Ardeatina a Roma.

Il canto popolare “Bella Ciao” è diventato l’inno della Resistenza. E’ uno dei canti partigiani più celebri.

Le frecce tricolori sono la pattuglia acrobatica nazionale dell’aeronautica militare italiana. Ogni 25 Aprile si esibiscono nel cielo di Roma con una manifestazione spettacolare.

Ogni anno il 25 aprile il Presidente della Repubblica depone una corona di fiori all’Altare della Patria. A Milano viene organizzato il corteo dell’Anpi (l’associazione nazionale partigiani) e altre manifestazioni attraversano diverse città d’Italia.

I LUOGHI DELLA RESISTENZA

BOLOGNA: Porta Lame – qui il 7 Novembre 1944 c’è stata un’importante battaglia fra partigiani e tedeschi.

REGGIO EMILIA: a Gattico la Casa dei Sette Fratelli Cervi era un rifugio per i partigiani feriti, oggi è diventata un museo.

ANCONA: Montecarotto – nel 1944 la Brigata Maiella affrontò i tedeschi come si può vedere nella chiesa della Santissima Annunziata dove ancora oggi c’è un proiettile inesploso.

TOSCANA: Valbona a Calenzano, il 3 Gennaio 1944 la Banda Partigiana “I Lupi Neri” nascosti in un fienile resistette all’attacco dei fascisti.

LUCCA: a Sant’Anna di Stazzema si trova un monumento in cima alla montagna con tutti i nomi delle persone uccise dai nazisti tra cui Anna una bambina di 2 mesi.

TRIESTE: a Gorizia esisteva la Brigata Proletaria nei quali purtroppo perse la vita una ragazza di nome Ondina di 18 anni.

PUGLIA: a Barletta due colonnelli resistettero ai nazisti per 2 giorni.

PIEMONTE: ad Alba alcuni partigiani conquistarono la città ma la persero 23 giorni dopo a causa di un attacco fascista.

ABRUZZO: sulla Majella c’era la Via di fuga dei prigionieri alleati che lottava per la liberazione dell’Italia.

MEDIA

Consiglio la visione del web doc Rai dedicato a questa giornata.

LIBRI

LIBRI PER BAMBINI

  • Anselmo Roveda, Una partigiana di nome Tina
  • Roberto Denti, La mia Resistenza 
  • Guido Quarzo, Ritorno al Mittente
  • Fabrizio Sileo, Bernardo e l’angelo nero
  • Italo Calvino, Il sentiero dei nidi di Ragno
  • Alberto Cavaglion, La resistenza spiegata a mia figlia
  • Fabrizio Roccheggiani, La Bicicletta di mio padre 
  • Teresa Buongiorno, La Banda della Rosa
  • Tina Anselmi , Zia cos’è la Resistenza? 
  • Nadia Bellini, La giacca rossa
  • Michele Sarfatti, Fulmine un cane coraggioso
  • Francesca Parmigiani, la Resistenza spiegata ai bambini. Dall’oppressione alla libertà, le radici della Costituzione
  • Pierdomenico Baccalario, Piazza 25 Aprile
  • Paola Capriolo, Partigiano Rita
  • Lucia Vaccarino, O Bella Ciao, racconti di ragazze e ragazzi nella resistenza
  • Renata Viganò, L’Agnese va a morire
  • Franco leoni Lautizi, Ti racconto marzabotto
  • Mario Lodi, il corvo

LIBRI

  • Il libro di Johnny, Beppe Fenoglio
  • Sulla guerra civile, Norberto Bobbio e Claudio Pavone
  • Angeli terribili, Gianni Barbacetto
  • Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio, Remo Rapino
  • Partigiano in camicia nera, Alessandro Carlini
  • La resistenza perfetta, Giovanni De Luna
  • L’ultima testimone, Cristina Gregorin
  • Possa il mio sangue servire, Aldo Cazzullo
  • Ma perché siamo ancora fascisti?, Francesco Filippi
  • Come prima delle madri, Simona Vinci
  • Se avessero, Vittorio Sermonti
  • L’arma segreta del Duce, Mimmo Franzinelli
  • Il coraggio della signora maestra, Renzo Bistolfi
  • Ribellarsi è giusto, Massimo Ottolenghi
  • La resistenza taciuta, Anna Maria Bruzzone e Rachele Farina
  • Il sangue dei vinti, Giampaolo Pansa
  • l’occupazione tedesca in Italia. 1943-1945, Lutz Klinkhammer
  • Partigia, Sergio Luzzatto
  • Una guerra civile, Claudio Pavone
  • Non avevo sei anni ed ero già in guerra, Tilde Giani Gallino
  • Eravamo ridiventati uomini, Norberto Bobbio
  • Un amore partigiano, Mirella Serri
  • Il tempo migliore della nostra vita, Antonio Scurati
  • L’eco di uno sparo, Massimo Zamboni
  • Partigiani della montagna, Giorgio Bocca
  • Fuochi d’artificio, Andrea Bouchard
  • Bella ciao, illustrato da Lorena Canottiere

FILM

  • Roma città aperta (1945)
  • Paisà (1946)
  • Achtung! Banditi! (1951)
  • Il generale della rovere (1959)
  • Una vita difficile (1961)
  • Un giorno da Leoni (1961)
  • La ragazza di Bube (1963)
  • Il terrorista (1963)
  • La Notte di San Lorenzo (1982)
  • I piccoli maestri (1998)
  • Il partigiano Johnny (2000)
  • A luci spente (2004)
  • L’uomo che verrà (2007)
  • Storia di una ladra di libri (2013)
  • Una questione Privata (2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.