Fra le tante cose che ormai conoscete di me, credo sappiate anche di quanto ami la musica e soprattutto quanto ami cantare.

Scoprì questa mio dono, che poi diventò subito la mia più grande passione, da ragazzina, alle medie, durante le ore di lezione di musica. Il nostro Professore, il mitico Prof. Rinaldi, diede a ciascuno di noi un ruolo in base a ciò che secondo lui eravamo più portati, a me toccò il canto.

Grazie alla musica, sono riuscita a prendere sempre più confidenza in me stessa, e sono state tante le esperienze che mi ha fatto fare: dai musical alla lirica passando attraverso vari concorsi canori come quello del 24° Concorso delle Voci d’Oro di Montecatini Terme.

Tutto questo per dirvi che la musica è sempre stata parte della mia vita e sempre lo sarà e quindi come può un amante di musica non partecipare alla visione degli Eurovision Song Contest?

STORIA

Il primo Eurovision Song Contest si tenne il 24 maggio 1956 e vide gareggiare sette nazioni: Paesi Bassi, Svizzera, Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo e Italia. Austria e Danimarca volevano partecipare ma non rispettarono la scadenza.

Nella prima edizione, ogni paese presentò due canzoni, e quell’anno vinse la svizzera con Lys Assia e la sua seconda canzone Refrain.

Nel corso degli anni il format si è evoluto nello spettacolo multi-spettacolo di una settimana, all’avanguardia, tecnologicamente innovativo di cui godiamo oggi.

L’Eurovision Song Contest nacque grazie alla European Broadcasting Union (EBU) con lo scopo di offrire uno scambio e una produzione di programmi televisivi comuni, al fine di aumentare in modo conveniente il materiale di programmazione per le trasmissioni nazionali organismi di radiodiffusione.

La proposta per l’Eurovision Network era arrivata da Marcel Bezençon, direttore generale della Swiss Broadcasting Corporation, ma l’idea per l’Eurovision Song Contest verrebbe dalla RAI. L’emittente televisiva nazionale italiana iniziò i servizi televisivi regolari nel gennaio 1954, sebbene le prime trasmissioni televisive sperimentali in Italia fossero avvenute a Torino nel 1934.

Il programma più popolare e di successo che l’Eurovision Network produrrebbe sarebbe il suo omonimo: l’Eurovision Song Contest. Dopo che l’Eurovision Network ha trasmesso i suoi primi programmi nel 1954 in Belgio, Danimarca, Francia, Italia, Paesi Bassi, Svizzera, Regno Unito e (quella che era allora) Germania occidentale, nell’EBU sono seguite discussioni su come potrebbero essere rese le sue coproduzioni più divertenti e spettacolari.

A seguito dei suggerimenti avanzati alla riunione del Comitato del programma a Monte Carlo, nel 1955, l’EBU decise durante la sessione della sua Assemblea Generale a Roma nello stesso anno di istituire l’Eurovision Song Contest. L’ispirazione per il Concorso è venuta dalla RAI, che dal 1951 aveva allestito il Festival di Sanremo nell’omonima località balneare. I membri del Comitato di Programmazione parteciparono al Festival della Canzone Italiana di Sanremo nel 1955, quando è stato anche trasmesso attraverso l’Eurovision Network.

Sanremo, però, non fu l’unico concorso canoro in Italia all’epoca: a metà degli anni ’50 il Comune di Venezia e la RAI organizzarono a Venezia il Festival Internazionale della Canzone. La prima edizione del 1955 includeva voci presentate dai servizi radiofonici dei membri dell’EBU provenienti da Austria, Belgio, Francia, Italia, Monaco e Paesi Bassi. Ognuno di loro ha presentato sei brani originali e non più lunghi di 3 minuti e mezzo, con i lavori votati dalle giurie nazionali e il vincitore del premio Gondola d’Oro.

Il Festival Internazionale della Canzone di Venezia era quindi simile nella sua struttura all’Eurovision Song Contest, tranne per il fatto che veniva trasmesso solo alla radio. Tuttavia, il Festival Internazionale della Canzone di Venezia è stato il primo concorso internazionale di canzoni al mondo basato sulla partecipazione di organismi radiotelevisivi nazionali e alcuni dei suoi partecipanti avrebbero continuato a competere nell’Eurovision Song Contest.

Eppure, per ragioni tecniche, il primo Eurovision Song Contest del 1956 non si tenne in Italia ma in Svizzera: la sua centralità geografica in Europa ne fece un nodo naturale per i trasmettitori terrestri necessari per questo esperimento di trasmissione live, simultanea, transnazionale. Anche la sede dell’EBU era in Svizzera. 

In quei primi concorsi sembrava ovvio agli artisti partecipanti, che avrebbero dovuto inserire canzoni cantate nella loro lingua madre, ma man mano che l’evento si espandeva e cresceva in popolarità, i cantautori hanno iniziato a presumere che, più universali erano i testi, più era probabile che la canzone risuonasse con giurie. Il che potrebbe spiegare la popolarità dei classici vincitori dell’Eurovision come Boom Bang A Bang e La La La.

La regola sull’esibizione in lingua madre è cambiata nel corso degli anni, insieme alle regole relative al numero di artisti sul palco, all’inclusione di passi di danza e, più recentemente, all’uso di cori (introdotti per ridurre il numero di membri della delegazione necessari viaggiare durante la pandemia di COVID-19).

L’Eurovision Song Contest è in continua evoluzione per fornire lo spettacolo più emozionante per i suoi milioni di spettatori in tutto il pianeta. 

CRONOLOGIA

ANNI 60

Alla Tivolis Koncertsal di Copenaghen vinse per la prima volta l’Italia con la sedicenne Gigliola Cinquetti e la sua Non ho l’età, che porterà la manifestazione nella penisola italiana, in particolare al Centro RAI di Napoli, dove il Lussemburgo collezionò la sua seconda vittoria grazie alla giovane cantante francese France Gall con Poupée de cire, poupée de son. Per la prima volta il festival raggiunse i Paesi dell’Est Europa venendo trasmesso in alcuni di essi, inclusa l’Unione Sovietica. L’edizione del 1969 è anche ricordata come teatro di uno degli incidenti più imbarazzanti della storia della manifestazione a causa della vittoria ex aequo di ben quattro partecipanti: Francia (Frida Boccara), Paesi Bassi (Lenny Kuhr), Regno Unito (Lulu) e Spagna (Salomé). Non essendo prevista nel regolamento alcuna modalità di spareggio i quattro furono premiati come vincitori e si innalzò un’ondata di malcontento tra i partecipanti che portò al ritiro per protesta di tre Paesi (Finlandia, Norvegia e Svezia). Questa edizione inoltre non fu estranea alle polemiche di stampo politico, come testimoniato dal ritiro dell’Austria, che si rifiutò di partecipare a un evento ospitato da un Paese fascista, com’era la Spagna sotto la dittatura del caudillo Francisco Franco.

ANNI 70

Per l’edizione 1970 si decise di estrarre a sorte, fra i quattro vincitori dell’anno precedente, il paese che avrebbe organizzato la quindicesima edizione del concorso. L’organizzazione fu appannaggio dei Paesi Bassi: ad Amsterdam parteciparono solo 12 Paesi a seguito dei ritiri per protesta di Finlandia, Norvegia e Svezia e per il ritiro a sorpresa del Portogallo. Nel 1979 l’Eurovision viene ospitato per la prima volta da un Paese non europeo, infatti si tiene a Gerusalemme, in Israele, causa il ritiro della Turchia, che si rifiutò di partecipare in un territorio tuttora oggetto di conflitto, tuttavia vinsero i padroni di casa con Hallelujah di Gali Atari & Milk Honey

ANNI 80

L’edizione del 1980 venne ospitata dal Congresgebouw de l’Aia, e vide la partecipazione per la prima e unica volta di uno Stato africano, il Marocco, e i ritiri di Israele e Monaco. A vincere sarà Johnny Logan con What’s Another Year per l’Irlanda.

Nel 1989,  L’UER introduce la regola, ancora vigente, di un limite minimo di età per i partecipanti di 16 anni.

ANNI 90

Molte canzoni di quell’anno erano dedicate all’unione dell’Europa e alla caduta del Muro di Berlino, avvenuta il 9 novembre 1989. La 40° edizione dell’Eurovision si tenne sempre a Dublino, rendendo l’Irlanda il Paese ad aver ospitato più edizioni consecutive

Nel 1997 In seguito alle polemiche scoppiate, riguardanti un possibile sabotaggio da parte dell’emittente italiana Rai, con l’intento di non ospitare nuovamente l’evento, il 1997 sarà l’ultima partecipazione dell’Italia (che ritornerà solo nel 2011). L’edizione 1997 è stata la prima in cui è stato assegnato il Barbara Dex Award per il peggior vestito: prima vincitrice fu la cantante maltese Debbie Scerri.

ANNI 2000

Nel 2020, l’evento avrebbe dovuto svolgersi al Rotterdam Ahoy nei Paesi Bassi; tuttavia, la pandemia di COVID-19 in corso non ha permesso il regolare svolgimento della manifestazione, che, per la prima volta nella sua storia, viene annullata. Il giorno in cui si sarebbe dovuta svolgere la finale, il 16 maggio, è andato in onda l’evento Europe Shine a Light, in diretta dallo Studio 21 del Media Park di Hilversum (già sede dell’Eurovision del 1958), nel corso della quale sono intervenuti artisti selezionati originariamente per l’ESC, che hanno inviato una clip registrata mentre cantavano il brano Love Shine a Light, oltre che diversi vincitori e concorrenti delle precedenti edizioni. Nello stesso anno, il 26 giugno, Netflix ha distribuito Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga, film ispirato all’evento.

L’evento venne rinviato al 2021 con la stessa città e arena riconfermate vedendo nei Måneskin, i vincitori di quell’edizione con il brano Zitti e Buoni, portando l’Italia ad aggiudicarsi la manifestazione per la terza volta nella propria storia e dopo 31 anni.

Così, l’edizione 2022 del concorso si è svolta a Torino, presso il PalaOlimpico, dal 10 al 14 maggio, con l’esclusione della Russia a seguito dell’invasione militare del territorio ucraino. A vincere il concorso è stato proprio il gruppo ucraino Kalush Orchestra con il brano Stefania.

Qui per ulteriori approfondimenti su cronologia e curiosità.

REGOLAMENTO

Il Concorso è supervisionato dal Gruppo di Riferimento per conto delle Emittenti Partecipanti e ciascuna Emittente Partecipante è rappresentata da un Capo Delegazione.

L’Eurovision Song Contest è solitamente organizzato dall’emittente pubblica nazionale del paese che ha vinto l’anno prima (con alcune eccezioni degne di nota). Nel 2022 l’Emittente Conduttrice è stata Rai dall’Italia.

Per l’Host Broadcaster, l’organizzazione del Contest è una sfida senza precedenti ma entusiasmante che include il lavoro a stretto contatto con la città ospitante e la nomina di un produttore esecutivo nazionale in grado di supervisionare e gestire le operazioni.

Per l’Eurovision Song Contest, l’EBU ( principale alleanza mondiale dei media di servizio pubblico) supporta e supervisiona il lavoro dell’Emittente Ospitante ed è il punto di contatto centrale di tutte le Emittenti partecipanti. 

Ogni emittente partecipante ha tempo fino a metà marzo per scegliere una canzone e un artista per eseguirla. La canzone e l’artista possono essere selezionati attraverso uno spettacolo (o spettacoli) di selezione nazionale televisivo, un processo interno o tramite qualsiasi altro mezzo a loro discrezione.

I partecipanti competono quindi all’Eurovision Song Contest, che si tiene tradizionalmente a maggio.

Il format del Contest comprende tre spettacoli dal vivo: la prima semifinale (martedì sera), la seconda semifinale (giovedì sera) e la gran finale (spettacolare sabato sera).

Esiste una serie completa di regole relative alla partecipazione che si è evoluta nel corso dei decenni, ma le principali relative alle canzoni e agli artisti in competizione sono:

  • I brani devono essere originali e di durata non superiore a 3 minuti
  • La voce solista deve essere eseguita dal vivo
  • Non più di 6 artisti possono salire sul palco durante una performance

In ogni spettacolo, dopo che tutte le canzoni sono state eseguite, ogni paese assegnerà due serie di punti (1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 10 e 12) alle proprie canzoni preferite; un set viene fornito da una giuria di cinque professionisti dell’industria musicale di quel paese e un set dato dagli spettatori che guardano lo spettacolo nel paese. Gli spettatori possono votare per telefono, SMS e tramite l’app ufficiale.

Per correttezza, non puoi votare per il tuo paese.

Nelle semifinali possono votare solo le nazioni che hanno preso parte a quello specifico spettacolo (insieme a 2 o 3 dei ‘Big Five’ che sono già nella Grand Final), mentre nella Grand Final possono votare tutte le nazioni in competizione .

Al termine della Grand Final, la canzone che ha ricevuto più punti vince l’iconico trofeo e viene eseguita ancora una volta.

Ciascun paese è di fatto rappresentato dalla rispettiva emittente pubblica ed è a esclusiva discrezione dell’emittente determinare chi rappresenterà il proprio paese all’Eurovision Song Contest.

Inoltre:

  • Tutti i partecipanti provano individualmente sul palco due volte per ogni spettacolo. Le prove iniziano fino a due settimane prima della Grand Final di sabato sera. 
  • La città ospitante normalmente organizza un Eurovision Village per intrattenere la gente del posto e i visitatori e per offrire ai partecipanti una piattaforma extra per esibirsi, oltre a proiettare gli spettacoli dal vivo. 
  • Ciascuno dei tre spettacoli dal vivo è preceduto da prove generali. I biglietti vengono venduti per la seconda e la terza prova generale.
  • Tradizionalmente, la domenica che precede gli spettacoli dal vivo, si tengono un ricevimento di benvenuto e una cerimonia del “tappeto rosso“, per delegazioni e invitati selezionati.

Oltre agli eventi e agli impegni ufficiali, la città ospitante accoglie decine di migliaia di visitatori, con eventi organizzati dalla città e gestiti dai fan. 

PUNTEGGIO

L’esito dell’Eurovision Song Contest è determinato da una giuria di professionisti e spettatori dell’industria musicale, ciascuno dei quali contribuisce al risultato del 50%.

I giudici possono prendere posto in giuria solo una volta ogni tre anni.

Le giurie votano sulla base della seconda Prova generale di ogni spettacolo, che si svolge la sera prima di ogni spettacolo dal vivo. Ogni giudice dovrebbe votare in modo indipendente e non è consentita alcuna discussione sul proprio voto. Un notaio indipendente sovrintende alla riunione della giuria, per assicurare che tutte le procedure regolamentari vengano seguite.

Ogni giuria invia il proprio risultato all’EBU e al suo partner di voto ufficiale Digame tramite un sistema altamente sicuro, nonché via fax.

Gli spettatori possono inviare il loro voto tramite telefonata, SMS o tramite l’app ufficiale. Possono votare fino a 20 volte. Le tariffe di voto sono stabilite da ciascuna Emittente Partecipante e saranno presentate sullo schermo durante gli spettacoli. Possono essere applicate eccezioni a causa di differenze tra le legislazioni nazionali.

Tutti i televoti vengono elaborati dalla Piattaforma di risposta paneuropea (PERP), sviluppata dal partner di voto ufficiale dell’EBU, Digame, per garantire che tutti i voti vengano conteggiati in conformità con le Regole. L’intero processo di televoto è monitorato dal vivo da circa 70 professionisti formati dal Voting Control Center di Colonia, in Germania. L’impostazione garantisce che qualsiasi tentativo di influenzare ingiustamente il voto, ad esempio tramite il voto in blocco, venga rilevato e mitigato. I metodi esatti per prevenire e/o rilevare il voto dannoso sono classificati e conosciuti solo dal supervisore esecutivo dell’EBU, dal presidente del gruppo di riferimento, da E&Y e da Digame.

L’intera procedura – sia il voto della giuria che il televoto – è trascurata da osservatori indipendenti di E&Y e dal supervisore esecutivo dell’EBU, per garantire che tutti i risultati vengano interpretati in conformità con le Regole.
L’annuncio dei risultati è generalmente seguito da una cosiddetta ” Green Room ” da parte dei Concorrenti entrati nell’ESC.

Il commento nazionale dei commentatori nominati da ciascuna delle Emittenti Partecipanti si aggiunge alla versione internazionale degli Spettacoli da trasmettere nei rispettivi paesi.

AGGIUDICAZIONE DEI PUNTI

Sia in Semifinale che in Finale, sia per le Udienze Nazionali che per le Giurie Nazionali, i risultati in ciascun Paese saranno determinati come segue: 

  • Al brano che avrà ottenuto il miglior punteggio saranno assegnati 12 punti;
  • 10 punti alla canzone che ha ottenuto la seconda miglior classifica, 
  • 8 punti alla canzone che ha ottenuto il terzo miglior punteggio, 
  • 7 punti al prossimo, 
  • e così via, fino a 1 punto per la canzone che ha ottenuto il decimo miglior punteggio.

L’Eurovision Song Contest è anche l’evento non sportivo più seguito al mondo: i dati d’ascolto degli ultimi anni a livello internazionale sono stati stimati tra 100 e 600 milioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.